Laghetti di Cancano

Sorpassate le torri di fraele, antiche e possenti costruzioni di epoca trecentesca, si raggiungono i laghetti artificiali di Cancano, creati nel secolo scorso ( i lavori per la diga di Cancano furono ultimati nel 1956 ) per la produzione di energia elettrica ed oggi gestiti da AEM, e che hanno portato alla creazione di un ambiente unico, ideale per passeggiate a piedi, trekking e in mountain bike tra i boschi dell’alta montagna valtellinese.

I laghi sono alimentati di acqua  dallo Spòl, dai torrenti Alpe, Gavia, Frodolfo, Zebrù, Braulio, Viola e Forcola e, in anche dal più celebre fiume Adda, che ha poco lontano le sue sorgenti.

Foto Laghetti di Cancano, Valdidentro, Alta Valtellina, Sondrio

I laghi sono in grado di contenere fino ad oltre 190 milioni di metri cubi di acqua in massima portata.

Per raggiungere i laghetti di Cancano è sufficiente seguire le apposite indicazioni posizionate lungo la strada che da Bormio porta verso Livigno, deviando nei pressi dell’abitato di Premadio lungo una strada che sale ripida sino al passo di Fraele.
Lungo la strada sono disponibili numerosi punti ristoro ed aree attrezzate per i pic-nic.

Estate 2018: Viabilità e Servizio navetta bus per i Laghetti di Cancano

Dal 14 Luglio fino al 2 Settembre 2018 l’area dei Laghi di Cancano sarà a traffico limitato: l’intero tratto intorno ai due laghi sarà ZTL percorribile in bicicletta, a piedi o mediante navetta.
Sarà possibile arrivare in auto fino ai parcheggi nei pressi della Palazzina A2A.
Per proseguire dopo le Torri di Fraele sarà necessario acquistare un ticket al costo di € 5,00, inclusivo del costo del parcheggio.

Le navette saranno in funzione dalle ore 9:00 alle ore 17:30 secondo le seguenti tratte:
– Palazzina A2A – Diga di San Giacomo
– Strada coronamento lago di San Giacomo
Il costo per il bus navetta è di € 1,00 per la singola tratta.

mappa_bus_laghi_di_cancano
 

Pin It