Pizzocchero D’Oro e Weekend del Gusto

Valtellina regione montuosa situata nel nord della Lombardia, al confine tra l’Italia e il cantone svizzero dei Grigioni, è da sempre sinonimo di natura, ma anche di genuinità e di una tradizione culinaria tramandata di generazione in generazione.

Con l’arrivo dell’autunno tutto il territorio si tinge di colori caldi creando uno scenario magico, quasi fiabesco. Dalle cucine si sprigiona una ricca varietà di profumi, e così la scoperta della Valtellina diventa un vero e proprio tour enogastronomico alla ricerca di piccole e grandi eccellenze locali, di ricette della tradizione e di prodotti tipici, che stupiscono nella loro ricchezza e regalano piaceri golosi, autentici e salutari.

Quando si parla di Valtellina non si può non citare i Pizzoccheri: gustosi, tipici e genuini. La ricetta, che segue da anni la tradizione, è preservata dall’Accademia del Pizzocchero di Teglio. Con la loro semplicità hanno conquistato anche i palati più esigenti, riuscendo a conquistare e farsi conoscere in tutto il mondo.
Proprio a Teglio, propone durante l’autunno numerosi weekend all’insegna del gusto per assaporare i pizzoccheri dell’Accademia del Pizzocchero e altri piatti della tradizione locale abilmente rielaborati dagli chef dei ristoranti tellini.

5-6 / 12-13 / 19-20 / 26-27 settembre Pizzocchero d’Oro
3-4 / 10-11 / 17-18 ottobre Week-end dei Funghi
24-25 ottobre / 31 ottobre – 1 / 7-8  novembre Week-end della Selvaggina
14-15 / 21-22 / 28-29 novembre  Week-end dei Sapori Autunnali
Due i menù proposti dai ristoratori per tutto il mese di settembre: quello speciale per il “Pizzocchero d’oro” e quello dell’Accademia del Pizzocchero che si potrà gustare anche nei weekend di ottobre e novembre. Elencare le proposte inserite è già, di per sé, un invito: Bresaole tipiche con cacciatorini e lardo nostrani e burro lavorato al ginepro, Sciatt con cicorino, Pizzoccheri dell’Accademia di Teglio, Sorbetto alla Melavì di Valtellina, Vitella da latte con mausch, Torta di saraceno con coulis di mirtilli. Un inno alla tradizione contadina come il mausch, un contorno a base di fagiolini e patate mantecati con Valtellina Casera e burro d’alpeggio, da gustare accompagnato dai corposi vini rossi valtellinesi. Il “Menù dell’Accademia” propone Petali di bresaola della Valtellina, Sciatt con cicorietta, Pizzoccheri, Formaggi tipici con abbinamenti autunnali e dolce. Le occasioni per degustare questi menù non mancheranno e per chi fosse impossibilitato a raggiungere Teglio il sabato e la domenica oppure preferisse scegliere un altro giorno, c’è la possibilità di prenotarli anche durante la settimana.Date, menù e ristoranti aderenti, con i relativi recapiti, sono elencati sul sito internet  www.tegliosapori.info e per informazioni ci si può rivolgere all’Ufficio Turistico di Teglio (0342 782000).